Verso il “Manifesto del Partito comunista”. Introduzione a “Il libretto rosso dei comunisti” di Friedrich Engels

Friedrich Engels (Barmen, 28 novembre 1820 – Londra, 5 agosto 1895)

Con il titolo originale di Princìpi del comunismo (Grundsätze des Kommunismus), Il libretto rosso dei comunisti venne scritto da Friedrich Engels nel novembre del 1847 nell’ambito di un’occasione molto particolare. Si trattava, alla vigilia di un importante appuntamento congressuale, di esporre in modo chiaro e conciso i punti programmatici che avrebbero animato la neonata Lega dei Comunisti. Continua a leggere Verso il “Manifesto del Partito comunista”. Introduzione a “Il libretto rosso dei comunisti” di Friedrich Engels

In pieno agosto

In pieno agosto
le raccomandate
il cielo
le fate, le notti stellate…

In pieno agosto
corri alla posta
lei ti guarda cattiva
lo fa perché resta

In pieno agosto
la polizia
tre colpi alla porta
la ferrovia,

bisogna partire
non sai più per dove
alla stazione
regali le ore

In pieno agosto
in piena tempesta
senza contratto
perdi la festa,

buste con dentro
libri e canzoni
l’inchiostro è il sangue
di chi non ha nome

Il tempo è scaduto
peccato mortale
in pieno agosto
pensare alla neve

In pieno agosto
col terremoto
componi un numero
ma squilla vuoto,

non sarebbe passato
se fosse presente
scendi dal treno
saluti il niente

In pieno agosto
continui a bere
continui a ingrassare
continui a lottare

in pieno agosto
contro il tormento
è uno sgombero, uno sfratto
o un pignoramento

In pieno agosto
tutto sudato
stare nel giusto
costituisce reato

In pieno agosto
un cane ti abbaia
la sua catena
però non l’allenta

di nuovo il sole
di nuovo il caldo
di nuovo scatole
che pesano tanto

In pieno agosto
c’è poco da fare
tu sei al mare
e io qui a lavorare.

Correvo pensando ad Anna

BOLOGNA, sabato 24 giugno: all’interno di una giornata dedicata al libro e all’editoria, presso il Vag61 di via Paolo Fabbri, alle ore 18.00 si terrà la presentazione del libro “Correvo pensando ad Anna – una storia degli anni ’70” (2017, edizioni DEApress).
Presenti l’autore Pasquale Abatangelo, l’editore DEApress Silvana Grippi e Cristiano Armati (scrittore ed editore).
Continua a leggere Correvo pensando ad Anna

La città orizzontale. Etnografia di un quartiere ribelle di Barcellona

23 GIUGNO 2017 C/O LAGO EX SNIA (Via di Portonaccio – Roma), ore 19

Presentazione del libro “La città orizzontale. Etnografia di un quartiere ribelle di Barcellona” (Napolimonitor 2017). Insieme all’autore Stefano Portelli intervengono Cristiano Armati (Movimento per il Diritto all’Abitare di Roma) e comitati attivi contro cementificazione e speculazione.
A seguire aperitivo e ascolto degli uccelli al tramonto a cura del Forum territoriale permanente Parco delle Energie e del WWF Pigneto

Continua a leggere La città orizzontale. Etnografia di un quartiere ribelle di Barcellona

Chiedi chi era Lorenzo Bargellini

Chiedi chi era Lorenzo Bargellini. Nelle strade di Firenze o nelle vie di Roma, ovunque vi sia stato chi, scesa la sera, abbia dovuto raccogliere in qualche busta le sue cose per sdraiarsi su una panchina, infilarsi in una macchina abbandonata, rifugiarsi sotto un ponte. Continua a leggere Chiedi chi era Lorenzo Bargellini

Ragazzo negro – #jesuismaguette

Che poi, quando si parla di un nero come Nian Maguette, per i media di regime è comunque un “ragazzo”, anche quando ha 53 anni è sempre un “ragazzo negro”. Attenzione, perché la linea del colore si intreccia con la classe in un comune intento disumanizzante. Infatti, com’è che i borghesi chiamano l’operaio – che sia addetto alle pulizie, alla riparazione delle fotocopiatrici o alla manutenzione delle vending machine non ha importanza? Lo chiamano “omino” se è maschio, “omina” se è femmina #jesuismaguette#blacklivesmatter

Lo zaino di Sancho

Non sappiamo più da quanti anni è che incontrarci con lui faceva parte del rituale. Partendo dal Salone del Libro di Torino fino ad arrivare, più recentemente, al Book Pride, uno squillo sul cellulare annunciava immancabilmente il suo arrivo mentre, nel nostro stand, si liberava uno spazio per ospitare il suo zaino e la sua giacca, in modo che potesse essere più libero di girare tra i corridoi della fiera a caccia degli esemplari più pregiati di quelle creature da lui amate così tanto: i libri.
Continua a leggere Lo zaino di Sancho