Hellnation Libri Sportpopolare.it

SPORTPOPOLARE.IT

Sport * Controcultura * Rivoluzione

a.11350580_1576139422649952_5376628800650276411_nRaccogliendo il grande lavoro fatto da HELLNATION Store di Roberto Gagliardi dal 1997, HELLNATION Libri, di cui il blog Sportpopolare.it è espressione, nasce all’interno della cooperativa editoriale Red Star Press con l’obiettivo di dare voce alle insorgenze controculturali e, in modo particolare, al fenomeno dello sport popolare e alle soggettività che, autorganizzandosi dal basso, stanno dando corpo a nuovi fenomeni di aggregazione, giocando un ruolo sempre più importante nell’immaginario dei movimenti anticapitalisti di tutto il mondo.

Sia come blog che come casa editrice, HELLNATION Libri si avvicina allo sport popolare assecondando una definizione ampia del concetto di “popolare”, nella convinzione che:

  • In quanto fenomeno di massa, lo sport non può essere ristretto nella cerchia, per quanto larga, di appassionati che lo praticano e/o che lo seguono. Al contrario, spesso utilizzato come terreno di sperimentazione di logiche repressive capaci velocemente di trasbordare dallo stadio alle piazze, ciò che accade sui terreni da gioco riguarda la società nel suo complesso e per questo rappresenta per la critica dell’esistente un campo di osservazione e d’intervento da osservare con la stessa serietà riservata all’eterna contraddizione tra capitale e lavoro. Il primo frutto di questa contraddizione, infatti, è la finta opposizione tra lavoro e tempo libero all’interno di una scansione comunque regolata da logiche di tipo padronale.

  • Non ne possiamo più / delle divise blu / no al governo / no alla pay-tv

  • Troppo spesso, all’interno di una cornice “sportiva”, si consumano fatti rispetto ai quali manca un’analisi e un punto di vista di classe: una carenza cresciuta di pari passo con l’erosione della sinistra e della sua capacità di essere presente nelle situazioni di massa. Come le occupazioni abitative, le lotte della logistica e l’opposizione alle grandi opere e ai grandi eventi, lo sport popolare segna l’avvento di una stagione di riscatto e oppone un nuovo protagonismo al reflusso vissuto da generazioni di presunti sportivi buoni soltanto a indossare le ciabatte dopo aver regolarmente pagato i loro abbonamenti televisivi, padri putativi dei tanti leoni da tastiera che infestano il web.

  • Infradito / primo nemico

  • Lo specialismo imposto dalla società dei consumi scava un solcato apparentemente invalicabile tra la pratica sportiva e la sua fruizione sotto forma di spettacolo; una divisione che, d’altro canto, attraversa ogni campo del sapere dove, in modo non dissimile da quanto accade per la relazione medico-paziente, qualunque forma di espressione è ridotta al rango di “servizio”, rispetto al quale la disponibilità economica media il livello di qualità a cui si avrebbe diritto.

  • No alla tessera del tifoso

  • Lo sport popolare, nella sua doppia accezione di pratica impostata al di fuori delle logiche del profitto e di fenomeno partecipato dagli strati popolari, e quindi dalla massa, guarda all’avvento di un nuovo umanesimo protendendosi senza tregua verso la rottura delle gabbie metropolitane e degli schermi televisivi tanto cari agli alfieri dell’ordine e della legalità.

  • Viviamo in una fase di transizione. E se lo sport popolare è il punto di partenza, lo sport del popolo è il traguardo a cui guardiamo se diamo ai nostri sogni il valore che spetta alla realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *