Sulla guerra a Palermo

Il Collettivo Universitario Autonomo Palermo presenta il libro “Sulla Guerra. Crisi conflitti insurrezione” di Emilio Quadrelli, con Cristiano Armati (Red Star Press).

LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO SI TERRA’ PRESSO Box 3 Autogestito – Lettere e Filosofia, Palermo DELL’EX FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA, EDIFICIO 12, VIALE DELLE SCIENZE, ALLE ORE 16.30 DEL 22 NOVEMBRE.

Siamo quotidianamente bombardati di immagini e notizie che raccontano di crisi diplomatiche, minacce di attacchi nucleari, azioni terroristiche. Il mondo intero è il teatro di una guerra perenne e asimmetrica che sempre più sta caratterizzando il nostro secolo. Molto spesso, però, il racconto mediatico di quello che avviene tutti i giorni è subordinato agli interessi di chi le guerre le provoca, agli stessi, cioè, che in nome del controllo sugli altri e del dio denaro incentiva la militarizzazione di interi territori. Quello che non ci dicono però è che il fenomeno, apparentemente incontrollabile, delle migrazioni, le condizioni di miseria in cui sono costretti i popoli del medio oriente o dell’Africa, i fatti che riguardano la cronaca più recente della vicina Europa da Charlie Hebdo in poi, le differenze socio-economiche esistenti nei nostri paesi, sono la diretta conseguenze delle politiche di guerra e di competizione tra potenze Capitalistiche. Come si dice…vostre le guerre, nostri i morti.

“Contrariamente a quanto accaduto nel passato, le classi dominanti non sono per nulla interessate a porre a regime un modello economico e sociale finalizzato a catturare il consenso delle masse subalterne, bensì a condurre una battaglia nei confronti delle loro condizioni di vita ed esistenza.”

La presentazione di questo libro ha lo scopo di discutere, a partire da queste considerazioni, le forme della nuova guerra a cui il capitalismo deve far fronte per dare vita ad un nuovo ciclo di accumulazione necessario perché il capitale stesso esca dalla crisi sistemica a cui é giunto l’attuale modo di produzione capitalista.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *